visual identity

VISUAL IDENTITY: #il metodo

Con questo post ti svelo un pò di dietro le quinte del mio lavoro.

Uno dei servizi che più mi viene  richiesto dalle persone o piccoli biz, è creare un’identità personale – visual identity-allineata con l’immagine professionale: style brand

La richiesta è di  Creare uno stile riconoscibile, sia della persona che del brand.

 

Parto sempre dal far comprendere  che lo stile e i valori profondi  della personalità si debbano  riflettere nel proprio lavoro, e l’immagine fisica e di brand (per small biz)  siano un tutt’uno rendendo vera e credibile la professionalità.

Il tuo personal branding viene portato in luce attraverso forme e colori e confluirà nella tua visual identity, con un’immagine coordinata.

Metodologia

Il processo con il quale mi addentro nello studio per creare e rendere riconoscibile a livello visivo lo stile, è un insieme di tecniche differenti:

  • dai test con fotografie, per portare in superficie e comunicarmi l’immaginario della persona,
  • a domande anche introspettive per identificare al meglio i valori,
  • a un approccio creativo, permettendo di lavorare artigianalmente con immagini, colla, forbici, colori, acquarelli o pennarelli  ( oh io adoro chi sparge glitter luccicanti e colorati…) 😀

Essere parte della costruzione del proprio personal branding, liberando la parte creativa che è in ognuno di noi (si, anche in chi non sa disegnare, c’è creatività: basta darle spazio…), aiuta a comprendere come far emergere i propri desideri e visualizzandoli, renderli progettuali.

Qui ti spiego il processo che avviene, dopo che si è lavorato sull’immagine personale, per creare una visual identity, passando ad occuparmi dell’immagine di brand, ovvero come la professionista intende presentarsi al mondo attraverso i suoi canali web.

Gli strumenti  adoperati  all’inizio della consulenza di style brand sono:

  • il mood board,
  • seguono le analisi dei colori  e i loro significati psicologici,
  • il confronto diretto sulla percezione delle emozioni e sensazioni che si vogliono trasmettere per giungere infine alla stesura di un book style guide.

Il book style guide, è un foglio grande, nel quale sono riassunti visivamente tutti i valori personali e di brand: ci sono il logo primario, il secondo logo, i colori per il blog e per tutti i canali social, i font in combinazione, lo stile delle immagini e la grafica studiata per pubblicare aggiornamenti sui propri social.

La stesura di un book style guide, riassume le regole di branding alle quali tutti gli addetti alla immagine coordinata faranno riferimento: dal grafico, al web master, alla tipografia. Si mostra così al pubblico una visione unificata del marchio, e si facilita il lavoro di tutte le figure professionali addette alla propria comunicazione, in quanto tutte attingeranno alla stessa guida.

Ecco perché studiare la propria visual identity, è il primo step per avviare il proprio brand.

Qual’è il valore che la cliente si porta con sé, oltre ad un riepilogo visivo ( book style guide) che la accompagnerà per molto tempo?

La consapevolezza che saprà come governare l’evoluzione del suo gusto e del suo stile, avendo appreso la metodologia per comprendere l’evolvere della sua personalità e del suo lavoro.

Nei prossimi post, ti racconto come realizzare un moodboard ispirazionale di brand styling
Seguimi.

 

moodboard style guide per visual identity

Rimaniamo in contatto
Iscriviti all'area riservata

Ricevi via mail i nuovi post, scarichi i regali dell'area riservata

Invalid email address
Provaci! puoi disdire in qualsiasi momento dal link inserito nella newsletter bimestrale.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *